Categoria: Eventi & Concorsi

A Dubai si accende finalmente il Burj

Si inaugura finalmente, oggi 4 gennaio 2010, in occasione dell’aniversario dell’ascesa al trono di sua altezza Sheikh Mohammed, emiro di Dubai, il Burj Dubai, l’edificio più alto del mondo. Superando di oltre 300 metri l’attuale detentore del record, la torre Taipei 101 a Taiwan, con i suoi 819 metri e 344.000 metri quadrati di superfice totale, stabilisce un vero record, non solo nelle dimensioni ma anche nella cura dei dettagli. La megatorre infatti contiene diversi appartamenti di lusso, uffici, e un albergo disegnato da Giorgio Armani. L’evento dell’inaugurazione, ripreso dalle emittenti di tutto il mondo, sarà seguito da circa due miliardi di telespettatori e chi avrà la fortuna di assistervi dal vivo sarà circondato da oltre mille agenti della sicurezza, fra cui poliziotti in borghese e cecchini. Di recente on line il sito dell’edificio, che consente inoltre agli utenti di prenotare on line la visita al livello 124, dove esiste la famosa terrazza panoramica più alta del mondo e anche la possibilità di vivere un viaggio interattivo attraverso la storia e l’evoluzione del Burj Dubai e della stessa Dubai. La città verticale stasera si accende, alla presenza di circa seimila invitati tra autorità, vip e star del cinema e della musica, sperando di far dimenticare, almeno per un pò, il buco di 100 miliardi di dollari di debiti sui quali Dubai ha costruito la sua skyline.

Galactic Suite pronto nel 2012

Il claim è “La nascita dell’Homo Spaciens” e accompagna il fantasmagorico, ma oramai realistico, progetto del primo hotel spaziale, il Galactic Suite. La società spagnola, Galactic Suite Limited di Barcellona,  che lo sta lanciando e il progettista Xavier Claramunt assicurano un soggiorno confortevole e ovviamente unico, con la possibilità di compiere il giro del mondo in 80 minuti e di osservare 15 tramonti al giorno. Il primo hotel a non essere sulla terra ma nello spazio, sarà precisamente a 450 chilometri dalla superficie terrestre e per la data prevista per il suo completamento sono state già registrate 38 prenotazioni. Con soli 4.4 milioni di dollari ci si assicura un soggiorno di 3 giorni nello spazio per diventare i pineri, forse, di una nuova era!

Premio Riba: Medaglia d’oro ad IM Pei

Piramide di Im Pei – Museo del Louvre – Parigi

Una lunga carriera, fuori dai circuiti modaioli e a riflettori spenti. L’architetto cinese-americano, IM Pei, arrivato a 92 anni, dopo una vita coronata di successi e di progetti memorabili, è il vincitore del premio Riba 2010. La “Royal Gold Medal for architecture” gli è stata attribuita da sua Maestà, la Regina Elisabetta, per onorare l’instancabile lavoro condotto nell’ambito dell’architettura a livello internazionale. Tra i progetti più influenti e importanti realizzati da IM Pei, spicca la contestatissima Piramide del Museo del Louvre a Parigi. Ad oggi, spente le polemiche sul monumento trasparente – progetto eccezionale e non tipico per il suo portafolio – la Piramide francese viene immortalata più della Mona Lisa.  Se la Regina sfogliasse tutti i progetti dell’architetto dei due mondi si accorgerebbe del potere delle sue geometrie. Tra le altre opere lasciate da Pei: la Rock&Roll Hall of Fame in Ohio; l’ala est della National Gallery of Art a Washington; la Bank of China ad Hong Kong. Edifici e monumenti che sembrano necessari e inevitabili e che non sembrano appartenere ad uno stile preciso e riconoscibile. Oggi, anche se ritirato a vita privata, Pei svolge attività di consulenza presso lo studio Pei Cobb Freed and Partners, fondato da lui circa 50 anni fa e presso Pei Partnership Architects, società costituita da i due suoi figli nel 1992. A riflettori sempre spenti, la sua reputazione continua inesorabilmente a crescere.

Calatrava vince l’European Steel Design Award

Ponte di Santiago Calatrava – Reggio Emilia

Il presitigioso premio, European Steel Design Award, è stato assegnato all’architetto Santiago Calatrava per i tre ponti realizzati a Reggio Emilia, unica città europea che vanta un parco progetti firmato dell’archistar di fama mondiale. Dall’inconfondibile ed elegante sagoma, i ponti di Calatrava sono divenuti simboli del capoluogo reggiano e con le loro enormi arcate disegnano motivi ondulati nello skyline, visibili anche dall’autostrada del sole. Il maestro valenciano, che ha all’attivo diversi grandi progetti, tra cui la nuova stazione Mediopadana dell’Alta velocità (in costruzione) e la struttura di copertura della stazione di pedaggio (casello) autostradale, verrà premiato a Barcellona, durante un meeting internazionale in programma dal 16 al 18 settembre 2009, dall’ European Convention for Constructional Steelwork (Convenzione europea della costruzione metallica).

Diecimila euro in sterline d’oro per “Esse come stella cometa”

Esse come stella cometa di Antonio Maria Fantetti

S’intitola “S come stella cometa” la foto vincitrice del concorso internazionale di fotografia, Obiettivo Matera, indetto dall’Agenzia Viaggi Lionetti di Matera in collaborazione con l’Apt, l’Agenzia Territoriale di Basilicata. In palio, per l’autore dello scatto, Antonio Maria Fantetti, ingegnere trentaquattrenne di Manfredonia, 10mila euro di sterline in oro. L’immagine raffigura uno scorcio inedito degli antichi rioni di tufo, in particolare la strada che congiunge il Sasso Barisano a quello Caveoso, illuminata da due fasci di luce a forma di esse che brillano e animano il percorso. Sullo sfondo la Chiesa di San Pietro Caveoso, arroccata sul grande vallone del canyon, e la Madonna dell’Idris con la sua imponenza, dominano lo scenario notturno. Nel cielo, le nuvole e le sfumature azzurre, creano degli attraenti giochi di luce in cui l’intensità dei colori è perfettamente equilibrata. La foto è stata scelta da Gianpiero Perri, Direttore Generale APT Basilicata, Rossella Tosto, giornalista-vice presidente Datacontact, Mikaela Bandini di Viaggi di Architettura e responsabile del concorso fotografico Obiettivo Matera insieme agli altri membri della giuria: Amerigo Restucci, architetto e neorettore dello Iuav (Istituto Universitario Architettura di Venezia) e Guido Alberto Rossi, fotografo. Lo scatto selezionato rappresenta, in modo inedito ed originale, un monumento della città di grande suggestione, unito anche a un bellissimo panorama, riuscendo ad attrarre l’attenzione e ad incuriosire al primo sguardo. Tra le altre foto risultate vincitrici, e per le quali ci sono in palio 1000 euro, le immagini intitolate: “Volti a confronto” della ventinovenne messinese Mariangela Insana per la categoria  Persone; “Arte e architettura” del trentenne materano Raffaele Contini per la categoria Architettura; “Ritorno dal pascolo” del cinquantenne materano, Pietro L’Annunziata per la categoria Paesaggi e “Turisti 1-2-3? del fotografo quarantatreenne barese, Giuseppe Di Giglio per la categoria Sequenze. Sono in tutto 448 le foto pervenute per il Concorso Fotografico Obiettivo Matera – dichiara Mikaela Bandini -. La città è stata ritratta da nuove angolazioni e con nuovi profili e molti degli scorci raffigurati, raccontano i cambiamenti che hanno caratterizzato lo sviluppo urbano dell’ultimo decennio.” L’agenzia di Promozione Territoriale di Basilicata – dichiara Gianpiero Perri – attraverso questa azione di co – marketing ha voluto contribuire a veicolare l’immagine della città di Matera. La competizione artistica ha favorito l’espressione creativa di fotografi professionisti e amatori che partecipando al concorso, attraverso i loro scatti, hanno arricchito il patrimonio pubblico di fotografie della città dei Sassi. Adesso gli operatori turistici, le associazioni culturali, i blogger e il popolo di internet hanno a disposizione un repertorio di immagini da utilizzare a fini promozionali.” Le foto sono visionabili sul sito SassiWeb e sul canale youtube dell’agenzia. Lo slide show è accompagnato dal commento musicale del brano “Mareverderame” tratto dal disco di Meridiana Group di Gegè Telesforo, con musica scritta e arrangiata da Dino Plasmati. Sulla bacheca del gruppo Obiettivo Matera presente sul social network Facebook, è possibile lasciare commenti e votare virtualmente le immagini pervenute al concorso. Le foto del concorso Obiettivo Matera verranno esposte in una mostra fotografica, nel complesso alberghiere delle Monacelle, nel prossimo mese di settembre durante l’evento letterario internazionale, Women’s Fiction Festival.

Buon Compleanno VdA

Il nuovo portale di Viaggi di Architettura compie un anno. Sono passati 365 giorni da quando, lo strumento di comunicazione e interazione del tour operator dedicato alle mete d’autore, comprensivo di catalogo elettronico, è stato pubblicato online nella nuova versione. “Il lato divertente dell’architettura, quello senza file ai comuni, senza calcoli e senza pratiche burocratiche.” E’ la filosofia che contraddistingue VdA da quando è stata fondata da Mikaela Bandini. ” Mi piace pensare che Vda sia donna, nata sotto il segno dei Gemelli, con l’influenza di Mercurio perchè favorisce la comunicazione in senso lato e la creatività”, dichiara Bandini. Dopo un attento restyiling del logo, dei colori e della struttura del portale, sono state arricchite anche le sezioni dedicate ai social network dove VdA è presente con un suo profilo personalizzato. Con notizie giornaliere sul mondo dell’architettura, del design, della sostenibilità, degli eventi e dei concorsi, con servizi speciali su argomenti divertenti è favorita la crescita del web ranking di VdA e del numero di visitatori che sfiora i 50mila utenti unici al mese. Sul portale sono visionabili le foto del Concorso fotografico annuale, nove servizi televisivi trasmessi su Nonsolomoda, recensioni sulle testate più autorevoli dedicate all’architettura e al design. E poi è possibile consultare e acquistare le proposte di viaggio nei siti d’interesse firmati dalle grandi archistar. Le partenze coprono l’intero globo e le offerte comprendono metropoli in espansione, nuovi quartieri, grandi opere architettoniche scelte da architetti, appassionati, fotografi, designer, studenti di architettura, che hanno modo di visitare i luoghi più avveniristici insieme a guide specializzate che operano in loco. VdA è solo all’inizio del suo percorso di crescita. Con il servizio Designincentive si aggiungono, alla lista dei clienti, aziende provenienti dal settore dell’edilizia, dell’arredamento, del design. Il nuovo portale di VdA si avvia verso il suo secondo anno di età per continuare ad accompagnare archituristi e appassionati nelle nuove mete d’autore consentendo ai partecipanti di informarsi, aggiornarsi e divertirsi. Tutto questo è possibile – conclude la fondatrice di Vda  – grazie all’aiuto di Mariateresa Cascino che ci allieta con le sue news divertentissime, di Cristiano Santeramo, il gigante buono e instancabile webmaster, di Andrea Serravezza, il SEO che risponde ad una media di 2000 mie domande a settimana, di Celestino e Andrea Sanna per i progetti grafici, e di tutti gli amici in ufficio: Mario, Anne, Marisa, Mariateresa, Milena, Magda, Paola, Bruna, Graziana, Mariagrazia e Gaetano, naturalmente”.

Oggi a Buenos Aires, Premio Pritzker 2009 a Zumthor

Bregenz_kunsthaus_Zumthor

Verrà consegnato a Peter Zumthor, nella giornata di oggi venerdì, 29 maggio 2009,  a Buenos Aires, il Premio Pritzker 2009. Cappelle, chiese, musei, case, ville, strutture sociali e quartieri residenziali. le opere dell’architetto svizzero, sparse su tutto il globo, dimostrano il grande talento nel combinare pensieri chiari e rigorosi con una dimensione autenticamente poetica. Nel corso della cerimonia nella capitale argentina Zumthor ricevera’ un assegno di 100.000 dollari e una medaglia di bronzo. E’ la seconda volta in meno di dieci anni che il Premio Pritzker viene assegnato ad architetti svizzeri: nel 2001 era andato a Jacques Herzog e Pierre de Meuron. L’albo d’oro dei Pritzker include architetti importanti come Jean Nouvel, Frank Gehry, Zaha Hadid, Renzo Piano, Norman Foster, Rem Koolhaas, Richard Meier e Kenzo Tange.Tra le opere più rinomate dell’architetto svizzero, i Bagni termali di Vals, nel Cantone svizzero dei Grigioni (1996), la Galleria d’arte di Bregenz, in Austria (1997) e il padiglione svizzero all’Expo 2000 di Hannover. La giuria del premio sottolinea che ”i suoi edifici hanno una presenza che si impone nonostante la loro apparente modestia. Nelle sue opere l’umilta’ coabita con la forza e la potenza della semplicità che sa osare.”

Inaugurato il nuovo Porsche Museum

Stoccarda, città dell’automobile, aggiunge un nuovo gioiello al suo portfolio: il nuovo, spettacolare Porsche Museum, recentemente inaugurato e dal 31 gennaio aperto al pubblico. Nato per celebrare il sessantesimo anniversario della casa automobilistica, il museo è stato progettato dall’architetto viennese Delugan Meissl. Su una superficie di 5.600 metri quadri si ripercorre la storia della blasonata azienda, ed è possibile ammirare 80 modelli da collezione. L’intero complesso – un progetto da 100 milioni di euro – propone anche un’officina, che può essere visitata dagli ospiti, ed un elegante ristorante, il Christophorus. ll museo è stato anche pensato come uno spazio espositivo dinamico e interattivo. Le vetture saranno utilizzate anche su strada e saranno di volta in volta sostituite con nuovi, eleganti bolidi. Ingresso: 8€ per adulti e gratuito per ragazzi fino a 14 anni accompagnati da un genitore.

La Bolla sul podio del vincitore

Volerà a Tokyo Enzo Isaia, vincitore del Concorso Fotografico “Immagini di Architettura nel mondo ’08“. La foto premiata raffigura la Bolla di Torino, eccezionale opera architettonica firmata da Renzo Piano. La giuria composta da Stefano Ferracini, Sonia Audoly, Fernando Guerra, Giovan Battista Menzani e Mikaela Bandini, ideatrice dell’iniziativa, ha emanato il verdetto finale esprimendosi, dopo l’ulteriore selezione tra la cinquina dei finalisti, a favore dell’immagine scattata da Enzo Isaia. Tra le 650 foto pervenute, da diversi paesi europei e dall’Italia, la foto che rappresenta la Bolla ha riscosso consenso perchè racconta l’architettura in modo creativo, innovativo e inedito e si contraddistingue per la qualità tecnica e per la descrizione del tema. La seconda edizione del Concorso “Immagini di Architettura nel mondo ’08” – dichiara Mikaela Bandini – è interessante come esperienza creativa legata alla fotografia, al mondo dei viaggi e a quello dell’architettura. Sono molte le immagini di qualità ricevute per l’iniziativa e che meritano di essere promosse attraverso gli strumementi di social networking con cui lavoriamo.” Il vincitore del concorso approderà a Tokyo dove potrà pernottare in una delle lussuose strutture del catalogo di Hotelplan, sponsor del concorso fotografico di Viaggi di architettura. Il programma, per due persone, include il volo intercontinentale da Milano in classe economica, tutte le tasse e diritti, due escursioni di mezza giornata, l’assicurazione medica e il kit viaggio per architetti. Buon viaggio e congratulazioni ad Enzo.

Musica e Architettura: David Byrne

David Byrne musicista, compositore e produttore discografico statunitense, fondatore e animatore dei Talking Heads e vincitore in carriera del premio Oscar, del Golden Globe e del Grammy per la sua produzione musicale, presenta Playing the Building. Musica, suoni e parole si coniugano alla bellezza delle strutture architettoniche più famose, iniziando proprio dai monumenti simbolo di New York. Con le note musicali vibranti, sinuose e oscillanti, grazie ad apposite installazioni, gli edifici diventano enormi strumenti musicali. Una sperimentazione ritmica di materiali senza precedenti.

Scroll to top