Quattro giorni alla scoperta dei due emirati più affascinanti dell’UAE con volo diretto.
Vi guideremo attraverso le architetture futuristiche, nuovo quartieri di lusso, complessi ad impatto zero e megastrutture.
Con Viaggi di Architettura vista il nuovo Louvre a di Jean Nouvel,  il circuito di Formula 1 di Yas Marina ed il centro Masdar a firma di Norman Foster.

DUBAI

  • Visita del gold souk, tipico mercato al chiuso dell’oro, delle spezie e dei tessuti;
  • Attraversamento del Creek in un’imbarcazione tipica ed arrivo nella città vecchia di Bastakiya sul Creek.
  • Passeggiata guidata attraverso il labirinto di edifici in argilla, le torri tradizionali, che hanno un sistema di raffreddamento naturale
  • Downtown Dubai e visita all’observation deck al 126° del Burj Kahliffa per una vista mozzafiato della città e delle nuove urbanizzazioni, il Dubai Mall, il centro commerciale più grande al mondo con un enorme acquario al suo interno.
  • Passeggiata guidata da tecnico della zona di Downtown con decine di complessi, torri, alberghi e centri commerciali.
  • Visita dello showroom di Nakheel, uno dei più grossi Developer di Dubai, responsabile del Jumeirah Palm Island I° e II° (isole artificiali a forma di palma) e The World (isola artificiale a forma di mappamondo) e di numerosi altri megaprogetti, alcuni a cantieri fermi.
  • Pranzo nella zona di Dubai Marina con passeggiata sulla darsena, che ha la concentrazione urbana più elevata della città. Spostamento a piedi sul nuovo lungomare, vista sulle urbanizzazioni di Jumeirah.

 

ABU DHABI

  • Passaggio lungo la ‘Corniche Road’, lungomare della città e visita della Moschea di Sheikh Zayed; inaugurata nel 2008, con una superficie di 22,400 mq, è il tempio islamico più grande degli Emirati.
  • Visita tra gli edifici dell’Abu Dhabi Plan 2030, il progetto di pianificazione urbana per uno sviluppo sostenibile della città. La prima fase del piano, che si dovrebbe concludere nel 2015, prevede il rafforzamento del centro finanziario e del suo cluster di grattacieli. Tra questi spicca la Capital Gate Tower (2011) con un’altezza di 160 m e una pendenza di 18° (quattro volte quella della torre di Pisa) possiede il primato di edificio più ‘storto’ del mondo. Alto 35 piani, il grattacielo si sviluppa in verticale fino al 12’ e poi inizia a ruotare verso ovest, con uno sfasamento progressivo che va dai 30 ai 140 cm.
  • Nell’area dell’Al Raha Beach, si trova il Quartier Generale della società Aldar. Un particolare ed imponente edificio, conosciuto come la ‘perla’, dalla forma circolare, una gigante moneta nella sabbia.
  • Visita della Saadiyat Island. A 500m dalla costa di Abu Dhabi, l’isola è oggetto di importanti trasformazioni che la renderanno un nuovo hub mondiale nel campo della residenza, del commercio e la sua straordinaria Cultural District che comprende il Louvre Abu Dhabi, (Jean Nouvel,2017) il nuovo Guggenheim (Frank Gehry), nonche la Zayed National Museum (Norman Foster, atteso per il 2020).
  • Visita al Louvre seguito da aperitivo (libero) dall’elegante Cipriani, progettato dal fiorentino Michele Bonan, con vista sulla Yas Marina e sull’ Abu Dhabi Grand Prix Circuit, nonche lo Yas Hotel (Asymptote Architecture, 2009). Il complesso, progettato da Hani Rashid e Lise Anne Couture dello studio newyorkese Asymptote, è il più grande edificio al mondo realizzato con luci LED di Arup Lighting. Due torri di hotel collegate da un ponte in acciaio sopra il circuito di Formula1 che si snoda attraverso la struttura. L’albergo, voluto dall’Aldar Properties, fa parte dell’ambizioso intervento di 35 miliardi di dollari di Yas Marina.
  • Trasferimento per il Masdar Institute, “La città sorgente”, L’istituto è un centro di ricerca applicata alla sostenibilità, interamente alimentato ad energia solare rinnovabile, è la prima realizzazione di architettura sostenibile tra gli edifici della Masdar City, la città a zero emissioni progettata dallo studio Foster + Partners.
  • Visita del centro di ricerca in collaborazione con il MIT di Boston.
  • Visita del Ferrari World, il parco a tema della casa di Maranello, inaugurato nell’ottobre del 2010. Il primo parco tematico della Ferrari di 200.000 mq (di cui 86.000 mq al coperto) si trova sulla Yas Island, isola artificiale interamente dedicata all’ intrattenimento. Con oltre 20 attrazioni, è il parco dei divertimenti indoor più grande al mondo. Sotto l’immensa cupola d’acciaio, progettata dallo studio Benoy Architects, si trovano le montagne russe più veloci, che sfiorano i 210 km orari, simulando un vero giro su una F1, Ferrari da scontro, 6 ristoranti, boutique, tutto dedicato al mondo del Cavallino.
Contatta il team di Viaggi di Architettura per informazioni, prenotazioni o personalizzazioni sull’itinerario dedicato a Dubai e Abu Dhabi.

Scroll to top